Il dirottatore “matto”: “Ho visto Regeni nel carcere delle torture”

A marzo era atterrato a Cipro: ora racconta una nuova verità
Il dirottatore “matto”: “Ho visto Regeni nel carcere delle torture”

Nel buio delle indagini sul caso di Giulio Regeni resta la sicurezza del corpo martoriato del ricercatore 28nne ritrovato il 3 febbraio lungo la strada che dal Cairo porta ad Alessandria. L’ipotesi che il giovane sia stato fermato dalla polizia egiziana, trasferito in un carcere e torturato dai servizi interni, cosa che le autorità locali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.