Il dio nano d’Egitto che difende ciò che è bene

Il dio nano d’Egitto che difende ciò che è bene

Oltre il krautrock, il free jazz e la musica tradizionale africana, in un luogo tutt’altro che “turistico” fra Occidente e Oriente. Si scrive world music, si legge musica universale: sì perché quello di The Dwarfs of East Agouza è un suono da un lato connotato da una geografia piuttosto definita – quella in cui questo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.