Il dinamitardo del fast food dal razzismo al terrore

Usa, catturato l’afghano delle “pentole esplosive”: voleva vendicarsi della polizia

Lo hanno preso dopo una sparatoria, vivo: Ahmad Khan Rahami, 28 anni, di origini afghane, ma naturalizzato americano, era ricercato da alcune ore. Adesso, l’Fbi e la ‘task force’ anti-terrorismo sperano di sapere da lui se ha agito da solo o se aveva dei complici, quale è stato il suo percorso di radicalizzazione integralista, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.