» Politica
domenica 25/06/2017

Rai, Freccero: “Orfeo non sa nulla di palinsesti, sa fare il panino. Giletti cacciato per evitare incidenti”

Il consigliere d’amministrazione: “La tv di Stato è manipolata da Renzi”
Rai, Freccero: “Orfeo non sa nulla di palinsesti, sa fare il panino. Giletti cacciato per evitare incidenti”

“Non capisco l’uscita di Roberto Fico, sarà mica colpa di Fazio se l’azienda gli offre più soldi?”. Carlo Freccero, consigliere d’amministrazione della Rai reagisce così alle parole del presidente della Vigilanza, che ha definito Fazio “il classico comunista col portafogli a destra” per il nuovo contratto da 11,2 milioni di euro concesso dalla tv di Stato al conduttore per quattro anni. E anche per il resto Freccero, che ha lasciato l’ultimo consiglio d’amministrazione sbattendo la porta, ha le idee molto chiare: “Il nuovo direttore generale Mario Orfeo non capisce nulla di palinsesti e la tv di Stato è manipolata dall’ex premier Matteo Renzi”.

Su Fazio si è scatenato un ciclone, giusto o sbagliato?

Quegli stessi membri del cda – uno fra tutti Marco Fortis, nominato dal Tesoro – che erano contrari a rimuovere il tetto con Campo Dall’Orto, si sono improvvisamente convinti del contrario con Orfeo. Pare non interessi tanto la legge, in quanto tale, ma appoggiare o rimuovere un manager più o meno gradito a quella politica che fa le nomine. Il vero problema che stava dietro al teatrino dei compensi alle star era l’esito del referendum.

Perché?

È dopo il 4 dicembre che Renzi decide di togliere la spina ad Antonio Campo Dall’Orto, ritenendo che la Rai avrebbe dovuto fare di più per il “Sì”.

Addirittura…

Renzi manipola la Rai. Dalla nomina di Campo Dall’Orto ad oggi, ci siamo dovuti misurare, noi consiglieri, con la natura ambigua della Rai divisa tra servizio pubblico e televisione commerciale. Io volevo che fosse salvata sia la dimensione culturale del servizio pubblico che la sua redditività di grande azienda statale. Ora è emersa, però, una nuova dimensione della Rai che Renzi si era proposto di rimuovere: la dimensione politica, se non governativa. In breve, è la politica a dettare l’agenda al Cda, in base alla presenza di persone più o meno gradite. Questo Cda ha un mandato che scade tra un anno, avremmo dovuto fare contratti di non oltre dodici mesi.

Sì, ma così si sarebbe rischiato di perdere Fazio.

Ci possono essere eccezioni. Ma, soprattutto, io ho chiesto che un contratto importante come quello di Fazio, per cui il dg Orfeo ha parlato di coerenza con il servizio pubblico, fosse alla base di una precisa strategia di programmazione. Faccio l’esempio clamoroso della seconda serata di Fazio programmata su Rai1. Era l’occasione per richiedere la rimodulazione della seconda serata per armonizzarla con quella di Fazio.

In che modo?

Se Fazio va il lunedì, allora Bruno Vespa il martedì, il rilancio del settimanale d’inchiesta Tv7 il mercoledì, un programma sperimentale di Michele Santoro il giovedì e Renzo Arbore il venerdì: proposte che ho fatto a Orfeo.

E invece di questa Telesogno-Freccero?

Constato che son rimaste le tre seconde serate di Vespa e addirittura il programma Petrolio è stato spostato il sabato sera alle 23.30, che io avrei trasferito a Rai3 per restituire lustro e importanza anche alla terza rete. L’impressione è che non interessi a nessuno né la linea editoriale dell’azienda, né le sue esigenze economiche. La Rai è oggi vista in chiave propagandistica per il governo e per i partiti.

La domenica sparisce L’Arena di Massimo Giletti.

Certo, un contenitore dove potevano succedere “incidenti”. Meglio non avere nessun problema. Ho addirittura proposto Vespa per la domenica pomeriggio, ma niente. Questi palinsesti sono disorganici. Orfeo è un giornalista competente, ma non può applicare le sue strategie dell’informazione alla programmazione, perché dimostra di non capire nulla di palinsesti. Il suo modello è il “panino” dell’informazione unica, sadico con le opposizioni che disturbano la maggioranza.

Report rischia di ritrovarsi di nuovo al lunedì su Rai3, contro le fiction di Rai1.

La sua collocazione naturale sarebbe la domenica, ma tutto ciò che può dar fastidio va eliminato o contenuto per il direttore generale Orfeo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Orgoglio arcobaleno

A Napoli e Milano in migliaia ai Pride: Sala in testa al corteo

I colori dell’arcobaleno hanno dominato ieri nei “Pride” di Milano, il sindaco Beppe Sala in corteo, e Napoli, gonfalone del Comune alla testa della manifestazione. Milano Pride ha sfilato per le strade del capoluogo lombardo. Al corteo, nel caldo opprimente di Milano, hanno preso parte alcune migliaia di persone. Alla testa della parata lo striscione del coordinamento Arcobaleno con lo slogan della manifestazione #Dirittisenzaconfine. Centinaia le bandiere del movimento Lgbt e i palloncini colorati, in mezzo ai carri con la musica techno, revival anni Novanta e all’italiana. Vietate alla manifestazione bottiglie in vetro e la distribuzione di superalcolici nelle aree vicine al corteo. Così Sala: “Vi prometto che Milano sarà sempre una guida tra le città italiane e internazionali per i diritti, saremo sempre da stimolo al governo. Milano ci sarà”. A Napoli il Pride è stato dedicato al tema del corpo e della mente: #LiberaMenteCorpo. Alla manifestazione dell’orgoglio arcobaleno, organizzata da Campania Rainbow, slogan e cartelli: “Mio zio è gay e io ne sono fiero”, c’è scritto in uno di questi mostrato da due bambini, al corteo con il loro zio.

Politica

“Per questo il Pds lo denunciò ai probiviri”

Politica

Fico (M5S) e Anzaldi (Pd) uniti contro Fazio

“Alessandro non scappa, resta con noi”
Politica
l’intervista - Roberto Fico

“Alessandro non scappa, resta con noi”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×