Il delitto Caccia in aula 33 anni dopo gli spari

Prima udienza sulla morte del magistrato ucciso nel 1983. Un solo imputato
Il delitto Caccia in aula  33 anni dopo gli spari

Ore 23.30 del 26 giugno 1983, via Sommacampagna a Torino, un uomo e un cane lupo al guinzaglio. L’auto accosta. È una Fiat 128 di colore verde. Due persone a bordo. Uno scende e gli spara, l’altro anche. Muore così il procuratore capo di Torino Bruno Caccia. Omicidio eccellente e tra i più enigmatici della […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.