Il cuore nero dell’Africa cerca un nuovo dittatore

Kabila di padre in figlio, ma dopo 21 anni si cambia. Il voto il 23 dicembre
Il cuore nero dell’Africa cerca un nuovo dittatore

Joseph Kabila ha deciso: non sarà lui a correre per le elezioni presidenziali del 23 dicembre. Il signore del Congo, autoproclamatosi presidente nel 2001 dopo l’assassinio del padre, Laurent-Désiré Kabila, poi eletto nel 2006 e nel 2011, cede alle pressioni internazionali e soprattutto a quelle della Chiesa cattolica congolese. Terminato il mandato quasi due anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.