Il cuore “bruciato” durante una gastroscopia: l’incredibile morte di Mauro Pianta

Il cuore “bruciato” durante una gastroscopia: l’incredibile morte di Mauro Pianta

Un macchinario medico surriscaldato avrebbe ustionato il cuore nel corso di un esame piuttosto semplice. Questa sarebbe la causa della morte di Mauro Pianta, 47 anni, giornalista che ha perso la vita dopo aver subito una gastroscopia a radiofrequenza all’ospedale Molinette di Torino il 4 aprile scorso. Dall’autopsia eseguita pochi giorni dopo il decesso era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.