Il cuoco del destino

Il cuoco del destino

Filippo La Mantia, 56 anni, palermitano, è un vero camaleonte: fotoreporter, nel 1986 fu ingiustamente accusato di essere coinvolto nell’omicidio di Ninni Cassarà. Trascorse 8 mesi in carcere prima che Giovanni Falcone ne ordinasse la liberazione. Nella sua seconda vita ha conquistato la Roma mondana a colpi di cous cous e caponata, che l’hanno portato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.