Il contratto nazionale non protegge i lavoratori

Gli accordi collettivi vengono spesso aggirati con le finte partite Iva o il demansionamento. Ecco cosa fare in attesa della riforma
Il contratto nazionale non protegge i lavoratori

Ogni mese con l’uscita dei comunicati stampa dell’Istat o dell’Inps si riapre il dibattito sui presunti meriti o demeriti del Jobs Act. In attesa di una valutazione appropriata (non basta fare la sottrazione tra gli occupati di oggi e quelli del 2014), c’è un tema in particolare che per ora è stato lasciato completamente da […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.