Referendum, Renzi e il conto del Sì all’estero: un buon prezzo da Poste, soldi da Davide Serra&C.

Propaganda in busta - Il Pd punta sul voto estero: ma nonostante gli sconti per i partiti,2,5 milioni di lettere costano 1,3 milioni. Così arriva il soccorso dei ricchi sostenitori
Referendum, Renzi e il conto del Sì all’estero: un buon prezzo da Poste, soldi da Davide Serra&C.

Ha ragione Matteo Renzi. Il referendum si vince con l’alta affluenza e i voti degli italiani all’estero. Ma il Pd non ha i soldi di un tempo per una battaglia così dispendiosa. Allora chiede aiuto agli amici. E la propaganda, massiccia e costosa, viene innescata. Il Fatto ha scoperto che il Nazareno ha ricevuto un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.