Il Colle allunga la trattativa e scongiura le urne a luglio

Lega e 5 Stelle chiedono “più giorni”: scontro su nome del premier e programma. Mattarella li accontenta: niente voto estivo
Il Colle allunga la trattativa e scongiura le urne a luglio

La maieutica socratica è come l’arte ostetrica. E quindi la “levatrice” del Quirinale, alias il paziente Sergio Mattarella, non è affatto spaventata dalle doglie infinite del parto di governo tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il capo dello Stato concederà altri giorni per accompagnare la nascita della creatura gialloverde. È questo l’esito sostanziale delle […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.