Il cognato di Dalla Chiesa e quei “lavori” a Capaci il giorno prima della strage

Santo Di Matteo, padre del piccolo Giuseppe (sciolto nell’acido da Brusca), parla in località segreta del suo ruolo nell’omicidio Falcone
Il cognato di Dalla Chiesa e quei “lavori” a Capaci il giorno prima della strage

Una cosa è sicura: tutto quello che ho detto è la verità”. Mi congeda così Mario Santo Di Matteo, 62 anni portati bene. Un tempo mafioso vecchio stampo. Ad Altofonte lo chiamavano “mezzanasca” per via del naso schiacciato, ma era un assassino. Ha partecipato alla strage di Capaci, arrestato un anno dopo. Alla fine del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.