Il Cio, Putin e l’affare doping. Tutti gli attori di un inchino

Il Comitato olimpico ha deciso di non decidere: il presidente Bach e i rapporti con lo zar, la Fifa di Infantino, i soldi e il ruolo di Wada e Iaaf (e degli Stati Uniti)
Il Cio, Putin e l’affare doping. Tutti gli attori di un inchino

Ogni volta si trova Bach davanti a una finestra con un vetro rotto, ma nessuno è mai riuscito a trovare il sasso”. Così un dirigente del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) nel 2013, quando a Buenos Aires il tedesco Thomas Bach è eletto presidente grazie al lavoro di lobbying di Ahmed Al-Fahad Al-Sabah, sceicco del Kuwait […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.