Il cibo è a pezzi: l’uovo non è più un uovo

E lo chiamano progresso. La pratica della frammentazione degli alimenti per uso industriale
Il cibo è a pezzi: l’uovo non è più un uovo

Dalle stampanti 3D che fabbricano bistecche alle multinazionali che producono Ogm e distribuiscono pesticidi: di seguito, un estratto del libro “L’alimentazione in ostaggio”, con prefazione di Carlo Petrini. Secco, liquido, o senza guscio, come glielo servo il suo uovo?”. È quello che potrebbe dire, già oggi, un commesso della ristorazione collettiva. L’uovo non è più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.