Il Censis di De Rita jr. e l’Italia bloccata dai “rancori”

L’istituto passa di padre in figlio e descrive la “non ripresa” del Paese e la “sfiducia” largamente diffusa
Il Censis di De Rita jr. e l’Italia bloccata dai “rancori”

È il primo rapporto del Censis senza Giuseppe De Rita, fondatore dell’istituto dal 1964. Arrivato alla 51esima edizione, a firmarlo è il figlio, Giorgio, segretario generale dal 2014 dopo una carriera tra Nomisma, Cnipa, DigitPa e Agid. La situazione dell’Italia è come sempre analizzata per parole chiave: disintermediazione, crisi di rappresentanza, social network, rancore. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.