Il caso Torino 2006: molti debiti e pochi vantaggi per la città

Il passivo del Comune è passato da 1,7 a 3 miliardi dal 2001 al 2007: dopo sono arrivati i tagli al welfare e ai servizi
Il caso Torino 2006: molti debiti e pochi vantaggi per la città

Un argomento che si sente spesso per criticare la scelta della giunta Raggi di rinunciare alle Olimpiadi riguarda Torino: coi Giochi invernali del 2006 è rifiorita, si dice. Problema: non è stato proprio così e, curiosamente, vent’anni fa della questione ci si occupava in tutt’altra maniera giocando a chi criticava meglio la candidatura di Roma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.