Il caso Crea: la nuova sede romana strapagata, con problemi d’agibilità

Procedura informale, soldi a palate e ora va lasciato
Il caso Crea: la nuova sede romana strapagata, con problemi d’agibilità

Un immobile selezionato in modo informale, pagato a peso d’oro, contaminato da radon e amianto. È il caso della sede del Crea. Il poco conosciuto Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), dovrebbe essere un centro d’eccellenza scientifico. È però anche un carrozzone da 2 mila dipendenti, titolare di 86 aziende […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.