Il cambiamento può cominciare dalla televisione

“Il dispotismo mediatico è così vasto e capillare da raggiungere ogni giorno, attraverso l’etere, la totalità degli adulti”. (da “TAG” di Domenico De Masi – Rizzoli, 2015 – pag. 412) Per chiunque intendesse mettere mano alla riforma della Rai, sarebbe difficile fare peggio della “riformicchia” introdotta a suo tempo dal governo Renzi, come qui l’abbiamo definita […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.