Il Cairo, inchiesta a un punto morto

Omicidio Regeni - Gli inquirenti di Roma tornano a mani (quasi) vuote
Il Cairo, inchiesta a un punto morto

Ci sono tabulati telefonici e verbali di testimonianze tra i documenti, tutti in lingua araba, consegnati dagli inquirenti egiziani al funzionario dello Sco (polizia) e l’ufficiale del Ros (carabinieri) che lo scorso fine settimana sono volati al Cairo per fare il punto sulle indagini sull’omicidio di Giulio Regeni. I due investigatori italiani incontreranno domani il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.