Il “bravo soldatino” di Macron scelto contro i “cugini italiani”

Parigi, dopo due settimane il nuovo ministro dell’Interno: è Castaner, responsabile del partito presidenziale. Dovrà gestire le tensioni sui migranti
Il “bravo soldatino” di Macron scelto contro i “cugini italiani”

Sono servite due settimane a Emmanuel Macron e al suo premier, Édouard Philippe, per partorire il nome del nuovo ministro dell’Interno dopo le dimissioni di Gérard Collomb. Dopo giorni di trattative e rifiuti, la scelta è caduta su Christophe Castaner, fedelissimo di Macron, che sognava il ministero della place Beauvau da due anni. “Tanto rumore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.