Il Brady, l’utopia sbilenca del cinema per tutti (dai clochard alle prostitute)

Memorie - Jacques Thorens ricorda la storica sala parigina dei film derelitti, quasi più dei suoi avventori
Il Brady, l’utopia sbilenca del cinema per tutti (dai clochard alle prostitute)

Michel è un pensionato sulla settantina, che viene spesso insieme alla moglie. Una sera lei esce dalla sala nel bel mezzo del film. ‘Non si sente tanto bene, vado a prendergli un ricostituente’. E la vediamo tornare con tre litri di bianco. Altri più previdenti arrivavano già muniti di bottiglie, damigiane e lattine di birra”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.