Il bizzarro dibattito sul teste Marroni: il Pd lo licenzia, ma non osa citare Lotti

Peripezie linguistiche - Zanda e i suoi evitano di parlare del collega indagato
Il bizzarro dibattito sul teste Marroni: il Pd lo licenzia, ma non osa citare Lotti

Luigi Zanda, capogruppo del Pd con quattro legislature e sedici anni di esperienza parlamentare alle spalle, sfodera tutto il suo mestiere. Prende il microfono di fronte all’aula ancora semivuota e spiega la posizione del suo partito sulla questione Consip senza pronunciare mai la parola “Lotti”. Ma proprio mai. “È in corso – spiega Zanda – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.