Il barone: devi dire grazie. E l’allieva si genuflette

L’inchiesta di Firenze: intercettati il professor Fransoni e una neoricercatrice
Il barone: devi dire grazie. E l’allieva si genuflette

Il 21 aprile 2015, Susanna Cannizzaro, neo ricercatrice all’Università di Macerata, in 5 minuti e 35 secondi chiede 15 volte scusa e 5 volte perdono. Si genuflette mediamente ogni 16 secondi. Questa intercettazione non ha bisogno di commenti. Cannizzaro chiama il professor Guglielmo Fransoni, oggi ai domiciliari con l’accusa di corruzione per aver concordato le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.