Il ballottaggio è da rifare: Austria senza presidente

Ri-elezioni in autunno dopo il ricorso dell’ultranazionalista Hofer, sconfitto per una manciata di voti postali. Dopo Brexit e crisi Ue, il risultato sarà ancora più incerto
Il ballottaggio è da rifare: Austria senza presidente

Austria (forse) ancora un pochino felix. Ma decisamente pasticciona. Tanto che gli austriaci torneranno al voto presidenziale di ballottaggio, dopo quello del 22 maggio che aveva premiato il candidato progressista ed ex Verde Alexander Van der Bellen contro l’ultranazionalista Norbert Hofer. È la prima volta in assoluto per la democrazia austriaca. Non brogli, ma irregolarità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.