Il balletto finto sull’Italicum

Alla Camera le mozioni per cambiare la legge elettorale: quella di maggioranza, però, è generica e senza date. Il premier: “Per me si può modificare”. Tutto fermo almeno fino a dicembre
Il balletto finto sull’Italicum

La battaglia ci sarà, ma il clima da guerra non c’è. Se non, al solito, all’interno del Pd. Perché il rinvio da parte della Corte costituzionale dell’udienza sull’incostituzionalità dell’Italicum (tema che ieri era il principale argomento sui divanetti del Transatlantico: favorisce Renzi; no lo danneggia) ha spostato la partita della legge elettorale a dopo il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.