Il 1963 e un mondo da costruire, con gli occhi di Edward Albee

Gli anni Sessanta a New York con il drammaturgo da poco scomparso, quando si parlava di teatro e di un percorso politico che coinvolgeva il Paese. Poco dopo avrebbero ucciso Kennedy
Il 1963 e un mondo da costruire, con gli occhi di Edward Albee

La carriera di Edward Albee (come principale scrittore di teatro americano, ndr) è cominciata subito dopo la morte di Eugene O’Neill e dopo che Arthur Miller e Tennessee Williams avevano già prodotto le loro opere più importanti. È accaduto quando nel 1959, a Berlino, The Zoo Story di Albee è stata presentata insieme a Krapp’s […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.