Igor, il “criminale di serie C” e la vivandiera che lo protegge

La grande caccia - Il bandito serbo è in fuga da 28 giorni. Le ricerche e la paura nelle campagne emiliane: molti vanno in città dai parenti
Igor, il “criminale di serie C” e la vivandiera che lo protegge

“Paperino muoviti!”. Ma il pappagallo resta accanto allo sgabello di Davide Fabbri, il tabaccaio di Budrio ucciso il 1 aprile. L’uccello sta lì da trent’anni. Chissà se capisce che il padrone è morto, come il gatto rimasto solo nella poesia di Wislawa Szymborska. Davide non tornerà, come la guardia ecologica Valerio Verri: è l’unica cosa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.