» Politica
mercoledì 16/05/2018

Ieri è cominciata la guerra: Ue e Fmi contro i gialloverdi

A tenaglia - I vicepresidenti della Commissione intimano all’Italia di rispettare i vincoli di bilancio: serve nuova austerità. Il Fmi: riforme o l’anno prossimo sono guai

L’establishment europeo e angloamericano ieri si è tolto i guanti. La rispettosa attesa delle dinamiche politiche italiane è finita e si è passati agli ordini espliciti in stereofonia tra Commissione Ue e Fondo monetario internazionale anticipati da un sobrio editoriale del Financial Times secondo cui nei palazzi romani ci sono ormai “i nuovi barbari”. Un modo per influenzare il dibattito e anche per saggiare la consistenza dei “barbari” di cui sopra: alla fine entrambi, Luigi Di Maio con un ritardo che irrita inizialmente i leghisti, rispondono a tono.

Riassume Claudio Borghi, responsabile economico della Lega: “Se questa avventura parte è chiaro che parte in un ambiente ostile, che non avremo alleati”, quindi “devi essere sicuro che devi poter stare spalla a spalla” e deve essere altrettanto chiaro “che i trattati Ue vanno ridiscussi”.

E qui si passa al merito, perché la guerra di posizione tra istituzioni europee e “nuovi barbari” si muove su due differenti fronti: su uno si combatte davvero (il bilancio), sull’altro si fa solo finta (l’immigrazione). Breve promemoria su quest’ultimo: da luglio scorso in Italia non c’è alcuna emergenza sbarchi (nel 2018, a ieri, erano 10.660, -76,7% sul 2017) e al prossimo esecutivo basterà mantenere – e sviluppare se del caso – la politica del ministro dem Marco Minniti per tenere sotto controllo il fenomeno; quanto ai rimpatri di immigrati illegali presenti in Italia, se il prossimo esecutivo vuole aumentarli può farlo quando vuole nel rispetto delle leggi e degli accordi bilaterali coi Paesi di provenienza; la riforma del Trattato di Dublino infine, almeno quanto all’abolizione del “principio del primo approdo” (chi tocca il rifugiato se lo tiene), ha il sostegno unanime del Parlamento italiano, persino dei residui “piùeuropeisti” di Emma Bonino. Altre cose – come i respingimenti in mare – non si possono fare, almeno non nella forma, già dichiarata illegale ai tempi del secondo governo Berlusconi, a cui sembra pensare la Lega.

Eppure è sul fronte immigrazione, più sensibile elettoralmente, che s’è acceso inizialmente lo scontro pubblico: “Spero che il nuovo governo non cambi linea sulla politica migratoria”, ha detto il commissario Ue alla migrazione Dimitris Avramopoulos. Replica di Salvini: “Dall’Europa ennesima inaccettabile interferenza di non eletti. Noi abbiamo accolto e mantenuto anche troppo, ora è il momento della legalità, della sicurezza e dei respingimenti”.

Il minuetto diventa invece sparatoria sui conti pubblici. A indicare la retta via all’Italia sono i due vicepresidenti della Commissione Ue. Prima il lettone Valdis Dombrovskis: “È molto chiaro che nell’attuale periodo di crescita economica l’Italia deve mettere il suo debito su una traiettoria discendente”; d’altronde “questo è l’approccio del presidente Mattarella”. Poi il finlandese Jyrki Katainen: “Le regole del patto di stabilità e crescita si applicano a tutti gli Stati membri” e “non ho percepito alcun segnale particolare da parte di uno Stato membro o della Commissione in merito alla concessione di eccezioni speciali”, quindi “ho tutte le ragioni per credere che l’Italia continuerà a rispettare i suoi impegni”.

Non fosse chiaro, il resto del programma lo detta Washington: il Fmi prima cita “le incertezze politiche legate a nuovi governi eletti in importanti paesi europei” come fattore di rischio, poi ricorda che con la fine del Quantitative easing si tornerà a ballare “in assenza di aggiustamenti di bilancio e di riforme strutturali per migliorare la produttività”.

Insomma, tagliare tutto quel che si muove – spesa pubblica, stipendi, residui diritti del lavoro – come negli ultimi sette anni. E, soprattutto, rendere impossibile per Lega e 5 Stelle mantenere anche solo parte degli impegni presi coi loro elettori: entrambi i programmi, infatti, presuppongono un livello di deficit pubblico uguale o superiore a quello attuale (poco sotto il 3% del Pil, il vincolo di Maastricht, mentre oggi l’asticella è fissata al pareggio di bilancio entro il 2020).

Come detto, il M5S ci mette un po’ a reagire. Di Maio lo fa solo nel tardo pomeriggio: “Abbiamo attacchi continui, anche oggi da qualche eurocrate non eletto da nessuno. Io più vedo questi attacchi, più sono motivato”. Parole assai simili a quelle di Salvini e che sono un amo lanciato proprio al leader leghista. Tra i due, in particolare su questo tema, resta però la diffidenza: il livello dello scontro è altissimo e senza garanzie sulle battaglie comuni a (o contro) Bruxelles la Lega potrebbe sfilarsi subito.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Di nuovo sulla scena

Berlusconi riabilitato ed europeista: oggi al vertice Ppe di Sofia

Giorni felici per Silvio Berlusconi questi ultimi. Prima il tribunale di Sorveglianza di Milano lo riabilita e lo rende quindi di nuovo candidabile vanificando la legge Severino; poi le difficoltà in cui si dibatte l’accordo di governo “tra quei due”; infine oggi il volo a Sofia, in Bulgaria (l’ex Cavaliere è amico del presidente Bojko Borisov), per partecipare al vertice del Partito popolare europeo in cui tornerà a rivestire i panni del leader politico di caratura internazionale. L’incontro – a cui partecipano i capi di Stato di governo Ue e non Ue e i leader di partito, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ed il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani – serve a preparare il summit del giorno successivo coi Paesi dei Balcani occidentali.

Tra i capi di Stato e di governo ci saranno Nicos Anastasiades (Cipro), Sebastian Kurz (Austria), Viktor Orban (Ungheria), Andrej Plenkovic (Croazia) e Leo Varadkar (Irlanda). Tra i leader di partito, oltre a Berlusconi, l’olandese Sybrand Buma, il ceco Pavel Belobradek, il greco Kyriakos Mitsotakis ed il portoghese Rui Rio. Non confermate, invece, le presenze di Angela Merkel e Mariano Rajoy.

Politica
Al Nazareno

Il Pd: “Il governo del Presidente è l’unica cosa seria”

Auspichiamo, se si continua a perdere tempo, che i partiti riconsiderino la proposta del presidente della Repubblica, che è l’unica seria sul tavolo”. Graziano Delrio, in una conferenza stampa con Maurizio Martina e Andrea Marcucci, riconsidera l’ipotesi. Che non è all’ordine del giorno, ma potrebbe rapidamente ridiventarlo. Il Pd prova a battere un colpo, evidenziando le “falle” di Lega e Cinque Stelle. “Salvini dice che per fare quello che abbiamo scritto bisogna cambiare i trattati europei. È circolata su Twitter una battuta carina: ‘è come se moglie e marito decidessero di rinegoziare il mutuo senza parlarne con la banca. Serve un bagno di umiltà, fine della propaganda, concretezza e misurarsi nel merito delle scelte’”, ha detto Martina. E ancora: “I Cinque stelle erano venuti da noi con atteggiamento liquidatorio: il primo a chiudere è stato Di Maio che dopo un quarto d’ora dopo l’intervento di Renzi in una trasmissione tv ha liquidato le possibilità di accordo col Pd. Se avesse voluto fino in fondo aspettare gli esiti del confronto, non avrebbe fatto così”. E poi: “Noi stiamo dall’altra parte. Berlusconi sta nel centrodestra ed è legato a opzioni di merito distanti da noi”.

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 16/05/2018

Politica

La bozza (smentita) che spaventa il Colle: c’era l’uscita dall’euro

“Ma quali cene, la sinistra deve tornare a parlare con i poveri”
Politica
l’intervista - Carlin Petrini

“Ma quali cene, la sinistra deve tornare a parlare con i poveri”

di
Parte la festa di LeU: c’è vita a sinistra?
Politica
Ex mattatoio

Parte la festa di LeU: c’è vita a sinistra?

di
Come s’offre Calenda… L’uomo in cerca d’impiego
Politica
Autocandidati - L’ex ministro si propone: argine ai sovranisti in Ue

Come s’offre Calenda… L’uomo in cerca d’impiego

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×