Icone, divinità, statue: un kitsch mundial

L’arte attorno al pallone - Le mostre (anche di italiani) per chi non guarda solo lo stadio
Icone, divinità, statue: un kitsch mundial

Il Mondiale è un capolavoro. I campioni sono come dei, caduti sul campo, ma ancora venerati e ritratti come idoli. I cimeli della Cccp e della vecchia nazionale sovietica si trasformano in pezzi di antiquariato, preziosi più dei ricordi. Il calcio diventa anche arte: basta muoversi per le città per trovare simboli a ogni angolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.