I voti comprati da Gaio Verre contro Cicerone

Marco Tullio Cicerone (70 a.C.) sta per affrontare le elezioni e un processo per concussione contro un avversario temibile: il propretore di Sicilia Gaio Verre. Uomo di inusitata spregiudicatezza, passato alla storia per essere dedito a soprusi, violenze e ruberie di ogni sorta. Verre ricorse a qualunque mezzo per frenare Cicerone nella sua corsa elettorale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.