I sinistrati di Parigi e la sindrome del terzo incomodo

Hollande e Valls ai ferri corti per candidarsi alle primarie, intanto la base socialista vuole l’ex ministro Taubira, vista come l’unica che può incarnare gli ideali del partito
I sinistrati di Parigi e la sindrome del terzo incomodo

Una stretta di mano sulla porta dell’Eliseo davanti ai cronisti per salvare le apparenze. Dietro i sorrisi comandati di François Hollande e Manuel Valls, al termine del Consiglio dei ministri settimanale, ieri, si annida il caos della gauche. Candidarsi o non candidarsi alle primarie della sinistra questo è il dilemma. Il premier scalpita, il presidente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.