“I selfie degli amici e il sogno del lavoro”. Così si convincono che è meglio partire

Le testimonianze - Ecco perché le notizie sui rischi non fermano i migranti
“I selfie degli amici e il sogno del lavoro”. Così si convincono che è meglio partire

Il viaggio può durare anni, costare cifre da capogiro, interrompersi e riprendersi come in un sadico gioco dell’oca sulla pelle del migrante, prima dell’incerto approdo. Può portare nel peggiore dei casi alla morte, magari nel deserto o nella traversata del Mediterraneo, nel migliore dei casi a sofferenze e torture nelle prigioni libiche. Eppure, tutto questo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.