I rivi murati nel cemento che minacciano Livorno

Dopo l’alluvione - Trovata la settima vittima, resta un disperso. L’inchiesta sull’allerta arancione e il tema dei torrenti tombati per costruire quartieri
I rivi murati nel cemento che minacciano Livorno

Orlando Vetri e Riccardo Mucci avevano invocato la Madonna per salvarsi dalla tempesta. Era il 5 ottobre 1828. Negli ultimi decenni invece i livornesi avrebbero semplicemente dovuto rivolgersi a chi ha coperto di cemento i loro torrenti. Ci vuole un ex voto, appeso tra migliaia nel santuario di Montenero alle spalle di Livorno, per capire […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.