I ribelli temono di essere sacrificati nel Risiko siriano

I gruppi anti-regime si sono entusiasmati ma durerà poco: sanno di non essere loro al centro della partita
I ribelli temono di essere sacrificati nel Risiko siriano

L’umore dei ribelli è cambiato all’improvviso. Non è la prima volta, qui, in questi cinque anni. La guerra in Siria ha un’unica costante: quando una delle due parti è a un passo dalla vittoria, arriva l’imprevisto. E tutto si capovolge. Tutto ricomincia. E quindi i ribelli, che fino a pochi giorni fa si aggiravano sconsolati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.