I rampolli del terrore dalle Ferrari all’Isis

Il ministro bengalese: “Commando formato da figli di papà” In Iraq due autobombe a Bagdad fanno 135 morti, tra cui 25 bambini
I rampolli del terrore dalle Ferrari all’Isis

La strategia dello Stato Islamico e dei suoi emuli in franchising – come i terroristi di Dacca – è ormai chiara: dimostrare che le sconfitte sul terreno non intaccano la sua capacità di ritorsione e di destabilizzazione globali. Tenere in stato d’allerta l’Occidente e i suoi alleati. Colpire l’Europa, il Medio Oriente. Punire la Turchia. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.