I pm: “Candidato in commissione per corrompere, torna corrotto”

L’inchiesta - L’episodio che ha lasciato increduli i magistrati
I pm: “Candidato in commissione per corrompere, torna corrotto”

Candidati genuflessi che vanno per corrompere e tornano corrotti. Bandi di concorso “verosimilmente” usati per pagare le attività svolte negli studi professionali. Gli scenari evocati dall’inchiesta della Procura di Firenze, sull’abilitazione alla cattedra di diritto tributario, sono devastanti. Nella richiesta di misure cautelari, firmata dal procuratore aggiunto Luca Turco e dal pm Paolo Barlucchi, c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.