I perdoni non si contano. Sono infiniti, come la Misericordia di Dio

Una prima lettura del brano evangelico della Messa domenicale (Matteo 18, 21-35) potrebbe darci l’idea di una rendicontazione, di un registro di dare e avere; in realtà tutto è stravolto, tutto è iperbolico, tutto è dilatato oltre misura. Si è assolutamente al di fuori della contabilità. A esagerare comincia Pietro, il quale si richiama al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.