I partigiani della Guerra santa sul web

Si moltiplicano gli attacchi ai siti istituzionali del nostro Paese da parte degli esperti dell’Isis
I partigiani della Guerra santa sul web

Non solo sul campo di battaglia, il jihad si combatte anche in Rete. E questa volta nel mirino dei mujaheddin del web è finito il sito della biblioteca ebraica di Venezia. Per ore la home page ufficiale è stata sostituita con questo messaggio piuttosto esplicito. “Perché ci attaccano? Voi che vi definite anti-terroristi avete creato […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.