I nostri militari all’estero. “A loro rischio e pericolo”

Effetto uranio impoverito: la Brigata Garibaldi va in Libano e vuole la liberatoria
I nostri militari all’estero. “A loro rischio e pericolo”

“Il sottoscritto eccetera eccetera dichiara di essere pienamente consapevole dei rischi ambientali e alimentari eccetera eccetera e intende esonerare e sollevare da ogni responsabilità civile e penale, anche oggettiva l’Amministrazione militare”. Ai soldati della Brigata bersaglieri “Garibaldi”, che presto andranno in Libano, nei giorni scorsi è stato chiesto di firmare questa dichiarazione. Una assunzione di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.