I No Tav e i pro Palestina. Poi Froome vince il Giro

In Piemonte momenti di tensione tra la squadra israeliana e attivisti italiani
I No Tav e i pro Palestina. Poi Froome vince il Giro

All’ennesimo insulto, lo spagnolo Ruben Plaza scende dalla bici, si fionda verso le transenne che separano la folla dai 151 corridori superstiti del Giro. Punta il gruppetto che sventola bandiere palestinesi e NoTav. Un attivista di Bussoleno gli grida: “Palestina libera! Palestina libera! A Gaza l’esercito israeliano uccide i civili palestinesi!”. Sono le 10 e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.