I nemici di Israele ringraziano Trump

Portare l’ambasciata nella Città Santa significa scatenare un nuovo conflitto nell’area ed escludere gli Stati Uniti dal loro naturale ruolo di mediazione
I nemici di Israele ringraziano Trump

Un fiume di distruzione percorre il Medio Oriente, gonfio di rabbia e di sangue. Ci sono amici e nemici in un alternarsi continuo. È un fiume che cambia percorso all’improvviso, come quando l’Arabia Saudita ha spostato improvvisamente i colpi della sua forza sullo Yemen (portando quel Paese alla distruzione quasi totale e provocando, nel lungo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.