I misteriosi meriti di Alfano e Minniti

Per un attimo lasciamo da parte il senso politico di questo governo (una sorta di rivincita degli sconfitti del Sì?), il grado di autonomia della brava e civile persona che lo presiede rispetto al suo predecessore (con Maria Elena Boschi alle calcagna?), la sua durata (“Nulla, in Italia, è più permanente del provvisorio”?). Limitiamoci a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.