“I miei familiari uccisi per coprire i veri assassini”

La figlia del capo della banda accusata di aver rapito e ammazzato il giovane italiano accusa il regime
“I miei familiari uccisi per coprire i veri assassini”

Accuso il ministero dell’Interno di tentare di coprire le proprie malefatte uccidendo la mia famiglia”. Dopo aver già affermato alle telecamere della Cnn che suo marito, suo suocero, lo zio, un collaboratore e l’autista del pulmino su cui la sua famiglia viaggiava non avevano nulla a che fare con il brutale omicidio di Giulio Regeni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.