I jihadisti “giapponesi” che resistono a Bruxelles

Continuano le operazioni anti-terrorismo in Belgio legate alle stragi di Parigi. Scontro a fuoco con un morto e 4 agenti feriti
I jihadisti “giapponesi” che resistono a Bruxelles

Sono le 3 di ieri pomeriggio. Un gruppo di agenti procede con cautela verso rue du Dries, nel comune di Forest che fa parte dell’agglomerato di Bruxelles. Con loro anche qualche uomo della Forze Speciali antiterrorismo. Devono perquisire un appartamento, su mandato della Procura. Potrebbe essere un potenziale covo jihadista. Il controllo è nell’ambito dell’inchiesta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.