I giovani ’ndranghetisti padroni in Brianza tra sparatorie, coca e regolamenti di conti

Gli affari - Le leve emergenti si contendono il controllo dei locali
I giovani ’ndranghetisti padroni in Brianza tra sparatorie, coca e regolamenti di conti

Cantù, piazza Garibaldi, profonda Brianza. Di sera la movida della provincia si affolla all’ingresso della discoteca Spazio Renoir. Alessandro qui ci lavora, barman, cocktail e “scazzi” con i clienti. Qualcuno alza il gomito, altri non pagano, vestano il volto dei duri, sotto la giacca si tengono “il ferro” (pistola), hanno origini calabresi e cognomi robusti. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.