I due fratelli kamikaze e l’attacco in nome di Salah

Gli inquirenti seguono le tracce ritrovate in uno dei covi che ha ospitato il terrorista di Parigi

Zavantem, 17 chilometri dal centro di Bruxelles. È il 7° scalo europeo per traffico passeggeri. Sono le 8 e 03 del mattino. Un commando di almeno tre persone si dirige verso la sala delle partenze. Fingono di essere passeggeri diretti a New York, le loro valigie celano ordigni resi più letali da chiodi e pezzi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.