I dubbi di Federica di fronte al terrore: “Perché morire in una guerra così?”

Attentato dopo attentato, la paura svuota anche i tradizionali luoghi di ritrovo dei ragazzi, come i gradini di una chiesa
I dubbi di Federica di fronte al terrore: “Perché morire in una guerra così?”

Li vede i gradini davanti a quella chiesa? Ecco, ci siamo riuniti lì sopra per anni a grappoli, tutte le sere del venerdì e del sabato. Ragazze e ragazzi, tra i venti e i trenta, molti di noi conoscendosi, altri aggiungendosi. Birra o gelato, senza sporcare, eravamo una macchia di allegria, fino all’una. Ora sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.