“I colpevoli per Regeni sono noti, e tranquilli”

Omar Afifi. L’ex colonnello della polizia egiziana: sono protetti da lobby economiche molto potenti
“I colpevoli per Regeni sono noti, e tranquilli”

Racconta che il suo esilio cominciò nel 2008, quando scrisse un libro il cui titolo si può tradurre così: “Mai picchiare sulla nuca”. Quando finisci in una stazione di polizia o in qualche centro di detenzione dei servizi segreti, si comincia con uno scappellotto e si finisce con la tortura, spiega Omar Afifi, ex colonnello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.