I cari estinti

Appena Paolo Gentiloni Silverj, conte di Bromuro e Passiflora, è apparso al Quirinale, la prima tentazione dopo il letargo è stata una rabelaisiana risata. Poi però una vocina ci ha sussurrato: “Ma possibile che non ti vada mai bene nessuno?”. È ciò che ci rimproverano i colleghi dell’ottimismo obbligatorio, abituati a incensare chiunque salga al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.