Hopper mai visto: solitudine umana piazzata in finestra

In Italia le opere della prima formazione del più popolare artista americano del XX secolo provenienti dal Whitney Museum of American Art di New York
Hopper mai visto: solitudine umana piazzata in finestra

Senza dubbio un’icona. Se esiste qualcosa di complesso, nell’arte, è quella di riuscire a piacere – e a comunicare emozione all’osservatore senza troppe spiegazioni – a tutti. Pittore realista, immenso e solitario: verticale, orizzontale e trasversale. Leggibile dall’alto e dal basso, incorniciato in poster per adolescenti e materia di studio filosofico. Questo è, tuttora, Edward […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.